Quando si parla di difesa da armi da taglio o da punta in genere, molteplici sono le impressioni....

  • Una più che giustificata paura e diffidenza verso ogni possibilità di difesa.
  • Una cauta valutazione del rischio, con una maggiore fiducia in determinati mezzi di difesa, a seconda delle proprie esperienze.
  • Una sempre verde "lascie perdere, che queste cose succedono solo nei film..."

Se stiamo leggendo questo piccolo scritto, viene da se che non rientriamo tra coloro che rifiutano a priori una circostanza nella quale ci potremmo trovare ad affrontare un balordo armato di coltello, ...e che cerchiamo dunque una possibile risposta!

 

Nei programmi da noi proposti, non si vuole assolutamente sminuire il pericolo di un'arma da taglio in genere, ma, visto che non saremo noi a scegliere, tanto vale la pena capire e addestrasi per gestire la situazione: talvolta sarà possibile lavorare solo su un piano "comunicativo", altre volte cedere alle richieste, ma in alcune e sfortunate circostanze l'unica possibilità sarà quella di affrontare la situazione.

 

Non importa quante possibilità di successo si abbiano, se si deve fare, si farà.... e sarà in quel momento che capiremmo quanto le nostre ore di addestramento non siano state tempo perso!

 

I nostri programmi fondono un accurato studio delle arti marziali filippine (vedi Kali-Escrima-Arnis), con le moderne tattiche difensive (vedi Hardened Target, considerato il Krav Maga americano). Analisi dei rischi e dei segnali del pericolo, comunicazione verbale e non, gestione delle distanze e un'approfondita conoscenza sull'uso delle armi, fanno si che gli allievi strutturino un bagaglio di conoscenze e capacità in grado di aumentare la percentuale di successo in situazioni ad alto rischio.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Scuola Arti marziali e Difesa personale di Andrea Citarelli

E-mail